Binario 16

Rileggo certe poesie

così come una mamma

ha visto crescere i propri figli.

E’ vero ne ho scritte tante

forse poche

perché di alcune

ricordo anche l’odore dei primi denti

e di altre il profumo di quei fiori

che forse avvertivo solo io!

Non importa,

rileggendole penso

che ognuna di essa nascondeva

un rito sacro.

Binario 16 si distingue

perché  è nata oggi

e morirà chissà su quale altro binario

forse il 7

il 3

ma che importa,

domani forse si distinguerà

un altro verso

un altro pensiero

un’altra malinconia…

Binario 16 era una poesia:

i binari viaggiano una vita parallela

sovrastati da milioni di pensieri umani

che prima o poi si incontreranno (loro)

i binari mai…

Maria Raffaella Rossi© 2015 tutti i diritti riservati – 

Rebel

Se mai dovessi tuffarmi da quelle finestre
vorrei che a soccorrermi ci fosse il vuoto:
nell’abisso potrei ancora navigare
confinando nei vortici perversi e santi
e lentamente su
risalire.

© Maria Raffaella Rossi – tutti i diritti riservati –

La luce del buio

Non avevo mai avuto paura del buio

o dei ladri

perchè sarebbero entrati per portare via

solo i resti di una vita messa a tacere.

Mi preoccupava l’idea della solitudine notturna

per la paura che tu saresti entrato in piena notte

svegliandomi dai sogni più assurdi.

Era lei la mia consolazione

la notte

priva di ogni malvagità,

lei sapeva che tu non saresti mai entrato

(lo sapevo anche io)

perciò non avevo paura del buio.

Solo lei

la notte

poteva e doveva trattenere le mie furie .

Maria Raffaella Rossi – © 2015 tutti i diritti riservati – 

Dal silenzio al silenzio di Maria Raffaella Rossi

Tu non conosci

l’incessante rumore della neve

e l’inquietante frastuono del dolore

quando dal cielo cadono lame di ghiaccio.

Tu conosci le nenie

che hai sentito nel tuo cuore

e non hai voluto che la neve

provvedesse a coprire.

Aspettavi qualcosa di più solido,

aspettavi canti e incisi più ruvidi

che avevi udito nel silenzio.

Tu che conoscevi le nenie

hai preferito non cantare.

Maria Raffaella Rossi  © 2015 tutti i diritti riservati –